primo mattino

l’aria che sposta i capelli ai vivi e ai morti-che fa respirare l’anatre che gorgheggiano
e le galline che fanno in questo istante l’uovo- che fa rabbrividire la sedia umida della notte-
che irrigidisce e fa duri i muscoli, ma rende leggera la mente e quieta-
adesso l’aria mi porti pure via oltre la morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *