buca la nebbia il sax,
l’illumina, l’accende,
fa risplendere l’ultime rose,
diventar più verde l’erba
e le foglie non ancora ingiallite-
vestito di luce riempie le stanze,
come un’onda
bianca di silenzio-
poi s’immalinconisce
diventa piccolo,
si spegne
e ritorna in se stesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *