3 thoughts on “

  1. ieri ho letto su Repubblica una intervista allo scultore indiano Anish Kapoor, in cui lui dice che ha scoperto il suo modo di lavorare guardando la polvere che nei mercatini indiani si depositava sulla merce e gli oggetti esposti; mi ha fatto venire in mente questo tipo di nebbia sottile che regala poesia al paesaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *