Camminando in campagna ho scritto haiku

Camminando in campagna ho scritto haiku. Mi attira il ritmo 5-7-5, la sintesi nello sguardo.
Poi mi sono chiesta: a cosa serve scrivere haiku? La mente ha risposto: qualunque cosa si viva è già passata.

This entry was posted in scrivere haiku and tagged , , by Dianella Bardelli. Bookmark the permalink.

About Dianella Bardelli

In questo blog sono presenti mie recensioni di romanzi e saggi su vari argomenti, soprattutto sulla letteratura della beat e hippy generation. Scrivo romanzi, spesso ambientati negli anni '70-'80'; e poesie; ne ho pubblicati alcuni : Vicini ma da lontano, I pesci altruisti rinascono bambini, Il Bardo psichedelico di Neal ; è un romanzo sulla vita e la morte di Neal Cassady, l’eroe di Sulla strada. Poi ho di recente pubblicato il romanzo "Verso Kathmandu alla ricerca della felicità", per l'editore Ouverture; ho pubblicato un libretto di poesie: Vado a caccia di sguardi per l'editore Raffaelli. Ho ancora inediti alcuni romanzi, uno sulla vita e la poesia di Lenore Kandel, poetessa hippy americana; un secondo invece è un giallo ambientato nella Bologna operaia e studentesca del '68; un terzo è è sull'eroina negli anni '80 a Milano e un altro ancora sul tema dell'amore non corrisposto. Adoro la letteratura della beat e hippy generation, soprattutto Keroauc, Ginsberg e Lenore Kandel. Scrivo recensioni su http://samgha.me/ e http://cronacheletterarie.com/ mio profilo in Linkedin: http://www.linkedin.com/pub/dianella-bardelli/45/71b/584

4 thoughts on “Camminando in campagna ho scritto haiku

  1. La domanda non dovrebbe essere “a cosa serve scrivere haiku?”

    La domanda corretta è “Perché si scrive haiku?”

    Saluti
    Tommaso

  2. Ciao Tommaso, credo ci sia una differenza, tu la vedi almeno, però in quel momento mentre camminavo in mente mi è venuta la domanda “a cosa serve scrivere haiku” e così non l’ho voluta modificare. Anzi non mi è neppure venuto in mente di farlo. Quando scrivo non mi pongo domande sul cosa sia corretto e cosa non lo sia, scrivo spontaneamente quello che c’è in quel momento. E’ il mio modo, anzi è il motivo per cui scrivo, non solo haiku ma in generale.
    Ciao Tommaso, grazie di aver scritto il tuo commento
    Dianella

  3. Bene Dianella,
    ho capito perfettamente che in quel momento ti è venuta in mente quella domanda.
    Il punto importante però è:
    – se non cerchi una risposta a quella tua domanda, va bene così! Hai pensato ed hai scritto (in un post che possono leggere in tanti) una cosa “fine a se stessa”.
    – se invece cerchi una risposta a quella tua domanda dovresti (lo ripeto) rispondere prima a questa: “Perché si scrive haiku?”.
    Molti nel rispondere a questa domanda dimostrano di non aver capito lo haiku e sbagliano, di conseguenza a comporre i propri haiku (sempre che di haiku si tratti).
    Tutto dipende dal questo: ti interessa darti una risposta?
    Se si, prova a dartela.
    Se no, cosa lo hai scritto a fare in questo post?
    Vedi un po’ tu.
    Saluti
    Tommaso

  4. Ciao Tommaso, la risposta è nel testo: “qualunque cosa si viva è già passata”. Poi sai, io spesso, come in questo caso, scrivo testi di poesia e prosa spontanea che non hanno un andamento logico, ovvero non hanno una costruzione di tipo logico. Non la vogliono avere.
    anche io ti saluto
    Dianella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *