scrivere e meditare

SIA LA SCRITTURA CHE LA MEDITAZIONE 

HANNO PIU’ A CHE VEDERE

CON IL PROVARE CHE CON IL RIUSCIRE

scrivere e meditare

This entry was posted in meditazione, scrittura by Dianella Bardelli. Bookmark the permalink.

About Dianella Bardelli

In questo blog sono presenti mie recensioni di romanzi e saggi su vari argomenti, soprattutto sulla letteratura della beat e hippy generation. Scrivo romanzi, spesso ambientati negli anni '70-'80'; e poesie; ne ho pubblicati alcuni : Vicini ma da lontano, I pesci altruisti rinascono bambini, Il Bardo psichedelico di Neal ; è un romanzo sulla vita e la morte di Neal Cassady, l’eroe di Sulla strada. Poi ho di recente pubblicato il romanzo "Verso Kathmandu alla ricerca della felicità", per l'editore Ouverture; ho pubblicato un libretto di poesie: Vado a caccia di sguardi per l'editore Raffaelli. Ho ancora inediti alcuni romanzi, uno sulla vita e la poesia di Lenore Kandel, poetessa hippy americana; un secondo invece è un giallo ambientato nella Bologna operaia e studentesca del '68; un terzo è è sull'eroina negli anni '80 a Milano e un altro ancora sul tema dell'amore non corrisposto. Adoro la letteratura della beat e hippy generation, soprattutto Keroauc, Ginsberg e Lenore Kandel. Scrivo recensioni su http://samgha.me/ e http://cronacheletterarie.com/ mio profilo in Linkedin: http://www.linkedin.com/pub/dianella-bardelli/45/71b/584

2 thoughts on “scrivere e meditare

  1. Ciao dianella.come stai?ho una curiosita su quello che proponi .prima di iniziare a scrivere ti dai un tema o una motivazione? O inizi a scrivere in modo spontaneo a ruota libera?spero di vederti presto.un abbraccio.e complimenti per la tua creativita

  2. ciao Marzia, io sto bene e spero di te; è tanto che mi occupo di questo rapporto tra scrittura e meditazione, come forse avrai visto nel blog tra pochi giorni terrò a Bologna un corso su questo rapporto tra scrittura e meditazione;
    ti posso dire che non c’è una regola rispetto a quello che mi chiedi, puoi darti un tema e poi improvvisare oppure cominciare a scrivere dalla prima parola o immagine che ti viene in mente; quello che a me capita è anche questo: durante mettiamo la meditazione sul respiro, mi viene un’idea, una bella idea da scrivere, allora io subito la scrivo o anche solo prendo un appunto; a volte questa idea può fare scaturire anche un testo lungo, o un haiku, o una poesia corta o lunga; quello che ho scoperto è che la meditazione sul respiro, nella migliore delle ipotesi, fa spazio nella mente e questo favorisce l’affiorare di buone idee creative, ad esempio qualcosa sulla natura, o un’esperienza che hai avuto; a me capita la stessa cosa camminando qui in campagna dove vivo, guardandomi intorno noto cose anche molto piccole, un filo d’erba, un passerotto, un fruscio, qualunque cosa, allora mi fermo e quello che mi suscita quello che ho visto o udito lo scrivo; sì perché io sempre mi porto dietro un taccuino o un quanderno, perché le idee arrivano all’improvviso e se non le fissi vanno via e non tornano. Se guardi in questo mio blog di scrittura nei vari temi sulla destra troverai vari articoli sulla scrittura e sul rapporto con la meditazione, qui per meditazione intendo quella sul respiro. Non so se avrai la possibilità di venire al corso che ti ho detto, sarebbe bello farne uno simile anche a Ferrara, magari in un fine settimana. Chissà se si potrà.
    un altro mio blog simile a questo ma quasi solo di testi è questo: https://poesiaprosaspontanea.wordpress.com/
    ciao a presto Dianella

Comments are closed.