Un’attrazione che vuole essere assecondata

E’ andata in quella città lontana, dove recita una sua amica. L’amica è in crisi con il suo uomo, lui non la vuole più e lei poverina fa di tutto per sedurlo, ma lui niente, non la guarda, non la considera. Il brutto è che lei vive a casa di lui, e se si lasciano sarà un bel problema. Comunque io arrivo da lei nel primo pomeriggio, si chiacchiera, poi ceniamo noi due da sole. Poi si va a teatro. Mi ha tenuto un posto. Ed è accanto a lei che si è seduto un uomo. Sente un’attrazione che vuole essere assecondata verso il braccio di quest’uomo, non lo ha visto in viso, era già buio nella sala quando lui si è seduto accanto a lei. Lo spettacolo è comico e lei e lui sorridono negli stessi momenti. Che bella sintonia tra noi!, pensa lei. E’ già qualcosa, ma come farò ad attaccare discorso?, si chiede. La prende la timidezza. Basterebbe chiedergli quando si accendono le luci: ti è piaciuto lo spettacolo? Ma lei con gli uomini non fa mai il primo passo. Sulla parete alla loro sinistra c’è un termosifone. E’ una sala piccola quella. Quando si accendono le luci, si dice, mi alzo e mi metto vicino al termosifone e aspetto che lui si avvicini a me. Ma quando finisce lo spettacolo tutti gli amici degli attori si fiondano dietro le quinte per salutarli e complimentarsi così lei si sente in dovere di andare a salutare la sua amica. Cerca di fare presto ed è convinta che quell’uomo stia in sala ad aspettarla per attaccare discorso. Invece no. Prova una gran delusione. Perdere belle occasioni, così rare in fondo, sei proprio una stupida, si dice. E’ convinta che le occasioni perse sarebbero state le più belle, e qualche altra volta le è già capitato. Per non dispiacere a qualcuno, perché aveva già preso un impegno con degli pseudo amici, per senso del dovere, insomma. Come questa volta. Fregarmene dell’amica, ecco cosa dovevo fare, si dice, e agganciare quest’uomo che mi piaceva. A salutare l’amica ci poteva andare anche dopo.

Le amiche

Io non mi compro mai niente. Le robe che porto mi durano anni, andare nei negozi, guardare, scegliere, decidere, spendere il giusto nel senso della famosa qualità-prezzo mi annoia bestialmente. E ci rinuncio. Me la cavo qualche volta con le liquidazioni ma solo se entrando in un negozio becco subito la cosa che mi piace. E’ successo così in un negozietto di paese, sono passata per caso davanti ad una vetrina, ho visto un pantalone rosso, sono entrata, l’ho provato e via l’ho comprato. Ma in genere non vado in città apposta per comprare qualcosa. Ma l’altro giorno ero con due amiche e si girava per il centro. Siamo passate davanti ad una vetrina di un negozio di scarpe che svende tutto perché chiude. A me quel negozio non è mai piaciuto e se non fosse stato per le mie amiche che si sono fermate a guardare le scarpe in vetrina avrei tirato dritto. Ma lì davanti mentre una diceva ” guarda carino quel paio” e l’altra di rimando ” anche quelle altre non sono male”, io butto l’occhio su un paio di scarponcini della mia misura ad un prezzo ridicolo per quel tipo di negozio. “Sono della mia misura”, dico a bassa voce. E faccio per tirare dritto per andare a prenderci il nostro solito thé in un bar carino. “Ma no, entriamo”, dice una delle amiche. “No, non ne ho voglia”, faccio io. “Ma dai”, fa l’altra, “entriamo, a quel prezzo”. “Va bè”, faccio io, “ma solo per provarle, sembra una pelle dura e magari mi fanno pure male”. Spingo la porta a vetri ed entriamo. C’è aria di smobilitazione nel negozio, sugli scaffali poche scatole, le commesse serie. “Fra una settimana si chiude”, dice una di loro quando chiedo di provare gli stivaletti. “A questo prezzo o li prende ora o non li trova più”, aggiunge. Li ho provati, ero perplessa, poco convinta, le scarpe che mi compro mi fanno sempre male per un sacco di tempo. Insomma senza quelle due amiche quelli scarponcini li avrei guardati in vetrina ma non li avrei mai comprati. Sono comodi come due pantofole e ora li porto sempre.