Dal silenzio

 

Dal silenzio

mi giunge una pienezza

senza nome, etichetta, senza parole,

che non ha parole-

siamo nudi di fronte a un cielo

pieno di stelle fiammeggianti e mute-

non so e non conosco

le parole con cui a qualcuno Dio parla-

sono senza appigli, raggelata

da un’anima che sente e ode

la pienezza assoluta del silenzio-

un silenzio che non produce,

che non conosce parole.

Naufrago su una spiaggia

oltre cui bisogna affrontare

sentieri mai percorsi

diversi da qualsiasi altro-

senza simboli, somiglianze

senza paragoni possibili

con qualcosa di già vissuto

o solo talvolta intravisto-

ma questo silenzio denso, pieno

è un regalo e il donatore è Dio-

Dio é un Dio che non ha voce, corde vocali

vocaboli, lettere, immagini-

Dio è un Dio senza fantasia-

é un Dio che non immagina

ma denso comunica

attraverso il silenzio

alla nostra anima-

traducendo nel modo umano di intendere

dice: non avere più paura-

questa è la tua strada

il lume
 
La luce rossa è il cuore-
palpita, aspetta,
nel silenzio che non è solo assenza di parole
che non è solo senza parole-
il silenzio qui, senti come è pieno
e diverso
non caloroso o sentimentale
ma pieno-
è la sensazione del pieno
che vorrei esprimere con la poesia
con le parole della poesia-
una specie di sazietà, punto fermo,
certezza, rettitudine,
senza ombre-
è un silenzio che non c’è
nella casa profana
o nel bosco pieno di vita-
non è il silenzio
dell’assenza di vita
è il silenzio dela vita piena-
mi scalda, mi fa sudare
come se da questa fioca luce
che ora è tutto il mondo
si sprigionasse
il calore di mille soli-
è lo spirito di Dio
che mi parla con l’ombra
che non dice,
toglie il dubbio
e la paura-
morire tra le sue braccia-
questa non è una preghiera
che nasce dallla mancanza,
dalla richiesta, dall’assenza di fede-
non è neanche una preghiera,
ma chiarisce un pensiero
che altrimenti rimarrebbe
 nascosto, silente-
rimarrebbe uno stato d’animo
e non un evento
—————————————