Mattino

S’alza maestoso
dal cuore alla gola
d’un gallo il grido –
umano e triste
finisce in un gorgo sonoro
e strozzato
punto di sospensione
tra lui e noi
e il giorno d’autunno –
puntella lo sguardo
insieme al mattino,
li tiene sospesi
nella bruma bassa
ancora notturna –
è nitido il grido
sermone ripetuto
all’ottusa bellezza del mondo –
muta e sonora
l’aria attende la voce
nel silenzio mattutino
degli intervalli

davanti a "la gioia di vivere" di Picasso (1946)
La gioia di vivere
è il blu
dell’antico mediterraneo
è la musica
e la nave
che però è lontana
e non arriva
sulla nostra isola felice.
Picasso c’ ha dato
le caprette che danzano
e sono il tutto
insieme alla ninfa, ai fauni.
Questa terra nera
senz’alberi quasi
tutta pervasa
di corpi immaginari
le chiome
ad un vento che non c’è
e gli zoccoli, e i piedi nudi
—————————–