La musica di un quadro di Emilio Vedova

 

Suoni altissimi, roboanti, urlati-

mille trombe squarciano un’aria spessa

dove non c’è più spazio-

una canzone  canta il cuore immacolato-

l’egoismo per me è un suono piatto

sottile, soffiato appena

come un venticello che passa-

s’alza il volume,

le trombe scalzano le voci-

era un parlato melodico,

s’è perso nel bianco della voce infantile-

c’è un violino

che vuole superare le mille trombe

e un contrabbasso gigantesco, gutturale

che arriva più in basso, oltre il quadro

e un sole bianco che chiama-

è un jazz stanco, chiazzato

che non si governa più-

note alte come zigomi-

la coltre del piano li azzera tutti

 

strade

 dalle finestre aperte
dalle tende arrotolate
esce musica strana
che sa di lontano
di stanze arrangiate
trascurate
vuote
senza cucine prefabbricate
mobili di pregio-
dove il soffitto
è troppo basso
il pavimento
è rosso sconnesso
lustrato
una volta a olio-
musica
dalla mussola
che il vento non solleva-
stanze
senza romanzi
qualche emozione
che viene dalla musica
che arriva nella strada
stretta-
tante finestre
pochi negozi
nessuno che cammini-
solo un barista sgualcito-
solo la musica
sottile, lontana
consistente e vera-
la strada è stretta
le finestre tante-
oltre
c’è l’altro mondo
poche finestre
lo spazio è per le strade
larghe come lavagne
come fiumi tropicali
come grigi ponti sospesi
come vino annacquato
come sperduto luogo
dove non arrivano
nè musica nè visi.
Beato te Kerouac
che nel tuo mondo antico
descrivi visi-
tanti, diversi
che raccontano
la loro grande storia-
io vedo solo
volti bianchi
che non parlano
che non sanno parlare-
solo soffrire.

strumenti
un suono vibrato-ripetuto
uno solo, come la sillaba-
due vibrazioni si parlano
sommessamente
ma non così silenziose.
Da dietro sale il coro-
monocorde-suono-nero-
sale dalle gole addestrate.
Davanti le corde sfiorate appena
ma il suono è chiaro-
accenna una melodia
di corde sottili, tirate,
troppo tirate.
Dietro il coro sommesso
riflette-commenta-
s’aspetta, s’aspetta qualcosa.
Nessun motivo ora sulle corde troppo tese
tese tropppo.
Nell’attesa i bambini dormono-
i padri-le madri
prestano una piccola attenzione.
Le palpebre cadenti
pesanti di sonno.
Poi solo il coro-
poi solo il motivo
basso-lieve-ma chiaro.
Ecco, ecco
arriva la vita-
varia-allegra-triste.
Ecco signori
che viene la vita
ha gambe lunghe-sottili-
trampoli altissimi-
la vita è irrangiungibile-
troppo in alto-troppo in alto-
i trampoli avanzano
in vesti bianche- sottili -di cotone-
senza braccia-solo trampoli
troppo alti ad accecare lo sguardo
che vuole vedere
che vuole capire
a tutti i costi.
poi il sonno-
finalmente