Improvvisazione ascoltando una registrazione sulla meditazione di vacuità

Il cielo vuoto
“blue sky”
per me non è mai
completamente vuoto –
si accalcano nubi
oppure è troppo alto
lontano –
il ticchettio familiare dell'orologio
e il cinguettio
delle primaverili parole –
s'affanna il respiro
arrivano pensieri ansiosi
sul respiro
sulla sua consapevolezza –
bisogna distrarsi –
ricordo di ieri: noia
che non svuota e non riempie –
ho bisogno di quel ticchettio familiare
dell'orologio
e del suo modo di dire
“slowly”
e “white lotus”