Volti

            di pietra

            di Buddha

            dalla pelle tesa

            dalla pelle flaccida

            dal doppio mento

            di cera

            di yogurt

            d’angelo

            d’amore

            da tesoro

            da tesoro nascosto

            da funambolo

            da funambolo che sbaglia

            da strega

            da gatto

            da gatto senza uno sguardo felino

            d’agata

            di foggia imperiale

            di bronzo

            d’oro

            di cielo

            emozionato

            emozionante

            da meditante

            che ruggisce

            che ammansisce

            che ulula

            che urla senza più voce

            della cornacchia

            della vicina

            del cielo adesso

            degli occhi del cielo

            di Dio che Kerouac non ha visto

            di un mio amico immaginario

            di tutte le porte del mondo

            della noia

            delle mie ali

            di tutto ciò che esiste e non esiste

 

 

           

Pieghe

 

Pieghe della coperta

            del lenzuolo

            del tempo

            della terra

            del mare

            del pensiero

            scozzesi

            piacevoli a vedersi

            spiacevoli a vedersi

            della mente

            del paesaggio

            delle colline

            delle montagne

            dei miei pensieri

            dei tuoi pensieri

            della carta

delle pagine

della pelle

arruffate

ordinate

poetiche

plagiate

orlate

malefiche

acute

a punta

ad ago

profonde

carine

spaventose

dell’anima

del vestito

più scure

più chiare

argentate

colorate

strambe

che non le capisco

della luce

dei rami

dei petali

del vento

della mia mano

del pezzo di pane

come curve

strane

scolpite

della veste della Madonna

delle strade

delle piazze

dei frutti

bianche

che fa l’erba alta col vento

del grano d’estate dopo una tempesta

dell’impronta dei corpi

del fiume

della corrente

delle relazioni

che ha preso un discorso