La mia newsletter letteraria di Luglio 2020

Buona sera, sono Dianella Bardelli, questa è la mia newsletter letteraria di Luglio 2020.
Contiene un’improvvisazione di prosa spontanea; qualche mia breve poesia e la recensione de La Prima notte di quiete di Valerio Zurlini.
L’improvvisazione di prosa: “Improvvisazione su qualcosa – indovina cosa”:
http://lascrittura.altervista.org/improvvisazione-su-qualcosa-indovina-cosa/
Le mie poesie:
“Mi piace la roba vecchia”: https://poesiaprosaspontanea.wordpress.com/2020/07/06/mi-piace-la-roba-vecchia/; “Quelle tovaglie umide”: https://poesiaprosaspontanea.wordpress.com/2020/07/16/quelle-tovaglie-umide/;
“L’isola,il maggio francese e un po’ di Nepal” https://poesiaprosaspontanea.wordpress.com/2020/07/17/lisola-il-maggio-francese-e-la-betulla-e-un-po-di-nepal/.
La mia recensione de “La prima notte di quiete” di Valerio Zurlini:
https://www.cronacheletterarie.com/2020/07/02/la-prima-notte-di-quiete/

Buona lettura
Dianella Bardelli
https://it.linkedin.com/in/dianella-bardelli-58471b45
http://lascrittura.altervista.org/
https://poesiaprosaspontanea.wordpress.com/
http://solohaiku.altervista.org

Improvvisazione su qualcosa – indovina cosa

tutto quel tempo a seminare – o a non farlo abbastanza – o a non farlo per niente – niente di concreto fattibile bello – niente di scritto maneggevole autentico – fallimento della mente – mente mento mento mente -la mente mente? mentalmente almeno credo cervello inconscio sì ma dove sta? Da quale parte del cervello? – la formica che scappa di fronte al pericolo mi parla di te di me mi parla – altrimenti mi sarebbe indifferente come un tempo – quello in cui non mi importava di niente e di nessuno solo di me stessa centro del mondo – poi c’è stato il tempo dell’altruismo e ora di nuovo questa specie di indifferenza assenza di motivazioni etiche emozionali – perché non programmo la scrittura? perché se la lasci fare la mente detta e organizza in un ordine tutto suo automatico non come faresti tu volontariamente – quando la mente detta tu trascrivi la voce che forse è interiore o forse no è esteriore cantami o diva – i greci lo capisco solo ora avevano capito tutto – c’è una voce che dice e detta-