Ascoltando Kaddish di Giulio Castagnoli al violoncello di Eduardo Dell’Oglio

C’è ancora il lago nero tondo –
una vela bianca in mezzo
ferma
la vela è dritta
ma non sventola non si muove –
non c’è vento è tutto fermo
come cristallizzato
immobile nel tempo
che non scorre che non passa –
la vela bianca rigida e senza vento –
eppure nell’aria c’è una musica di tango
su pedane nere lucide
su cui la luce si specchia in lampi chiari improvvisi