Lenore Kandel and the alchemical power of the poetry in “The love book” and “Word alchemy”

An assay by Dianella Bardelli
“Love is a gift. No bargain ”. The poet Lenora Kandel pronounced these very
current words during an interview appeared in “ Voices from the love
generation” published by Leonard Wolf in 1968.
In this interview Lenore speaks about her poetry, but above all about her
lifestyle, of her and also of the youth movement who operated in the Haight
Ashbury district in San Francisco between 1960 and 1970, which had the
sexual liberation, in the puritan America of those years, as its flag.
“ What are you into?” – the interviewer asks – “People and words, dreams and
visions” – Lenore answers- and she adds: “ I’am a writer, but I’am a woman.
And I wouldn’t sacrifice the woman part of it for a writing part of it… I’ve
always been pretty sensual myself. I think all this things about original sin and
Adam’s fall is passing…You love somebody, you take them and you accept
them entirely. And they ‘re supposed to accept you. Wherever you’re at, if
they love you. The only way I know it’s going to happen is by experimentation,
by living, and by telling the truth (page 36).
Of Romanian and Russian descent, Lenore Kandel lived between New York and
Los Angeles before to move definitively to San Francisco. She had begun to
write poetry since she was a child, but it is from San Francisco’s years that
Lenore writes her best poetic compositions. Here she became an activist of the
anarchist group of The Diggers that provided free food, clothes and medical
care to anyone needed it. In addition to writing poetry Lenore did many jobs,
for example dancer, singer, female drivers of buses. She participated at the
hippy meeting at Golden Gate Park in 1967; it was her thirty-fifth birthday.
When, only woman on the stage, she took the floor, 25000 people sang
“happy birthday”.
According to those who knew her in that period, she had a charismatic beauty
with round and sexual shapes; she attracted the attention of anyone meeting
her for her dominant and at the same time peaceful appearance.
I think of Lenore as a fearless woman, you can imagine it from her life and
poetry. She wasn’t afraid of herself and of others. First of all of men who
Lenore loved. She wasn’t afraid to lose control. She liked losing control.
In 1966 her little collection of poetry “The love book” was convicted of
obscenity. In this little book of only eight pages and 825 words, Lenore
poetically addresses the issue of sexual love between a woman and a man. The
language is explicit, every part of female and male body in regard to sexual act
is directly mentioned, not euphemistically. “Everyone who makes love is
religious”, said Lenore Kandel in her defense to the jury during the trial for her
little book. And added: “I believe that when human beings are so close
together they can become one flesh and spirit, they transcend the human into
the divine. And in fact in these poems it is said that Love makes the entire
universe a bloom and the two lovers are the avatar of Krishna and Rada, the
pure love – desire of divinity; and they became as one total angel, united in
the seed and sweat, united in the howl of love and sacred are their acts and
their bodies. Their bodies moves like flesh to flesh, their faces in the act of
love are the faces of all the gods and the beautiful demons.
Those of “The love book” are autobiographic poems, with the tools and
gestures of man and woman’s material bodies, the sex act rises itself every
time to a sacral and spiritual, totally immaterial, up to the moment into which
two became one, and everything stops, stops braking apart, to be a whole of
different pieces but one immaterial, invisible, powerful, aimless, spiritual world.
The Lenore’s poetry book that I love most is “World Alchemy” (1967). It is the
most visionary poetry collection of Lenore Kandel. Lenore visions are directed
to everything that exists, that maybe exists, that could exist. In her opinion “
each beast contains its god, all gods are dreams, all dreams are true” (a verse
from her poem “Freak show and finale”). Also if the words are not the things in
Lenore they obtain this power.
Because“Word Alchemy” speaks of men – animals, women – moon, petals that
contain the universe. This poem speaks of them in the same manner of things
you see and touch. For Lenore reality and imagination are equal. In her eyes
are both true. From what the alchemical word come from? And above all may it
have the power to transform the reality? Yes if it is assumed that the reality as
final data doesn’t exist, only the transformation exists, it changes form, color,
attitude. It happens in a non ordinary time and place, where the emptiness of
all things reigns supreme. Where our aspirations, certainties, fears have no
power. In “Word alchemy” Lenore Kandel talks about all of this, and also about
human beings’ wild nature, who are able to do the good as well as the bad, to
kill and love.
The women gaze deep into the things, they can see directly the
transformation, they can feel it, touch it. They have eyes full of memories of
the ancient times when gods and human beings hadn’t been separated yet;
they have green eyes and white wings. The men have not yet killed the wolf in
themselves, they have tattooed backbones, and star-encrusted tongue. The
poets have tiger face while they read their texts. And there are directions to go
that never existed. And there is the silence that is in the rose’s maze only, and
there is her, Lenore who demands as Kerouac to see the face of god as the
tadpole asks to became a frog because the time barriers are only conventions.
And Lenore demands also replies for what she hasn’t know the question yet.
And there is also the inability to love the enemies, because it is easier to love a
stranger than the tyrants, those who have “slaughtered the angels”, tying their
legs and cut their “silk throats”, the same tyrants who have eaten the “lamb
of god”.
Lenore Kandel has had an adventurous life and in some ways dramatic. In the
mid-60s in a cooperative of writers she met William Fritsch, nicknamed Sweet
William, who fell immediately in love with her. They got together and Lenore
joined him on his Harley Davidson’s raids and the reckless life of the Hells
Angels of San Francisco. In ’70 the two had a serious motorcycle accident and
Lenore was seriously injured in her back in such a way that she wasn’t able to
walk as before. From then on, after a long stay in hospital, Lenore spent the
last forty years ( she passed in 2009 ) in her little apartment rarely leaving the
house but for some readings.
***
In 2007 during the commemorative event of “San Francisco’s summer of love”
of forty years before ( The Summer Of Love Survivors 40th Anniversary), was
asked to Lenore Kandel what she was doing in 1967 and what she is doing in
2007; her reply was: 1967 writing poetry; 2007: writing poetry. Meaning
that the most important thing of her hippy youth is that she wrote poetry; as if
having been part of anarchic political group of the Diggers has been removed,
or having participated to the San Francisco Be-in was no longer worthy of note.
As if passionate loves were no longer worth of note or her opinions about
sexual love were no longer worth of note. As if she was closed for all her life in
a room writing poetry instead of living passionately every moment of her 35
years before the motorcycle accident.
The North Atlantic books published a collection of poems of Lenore Kandel, in
2012; in the site of the publisher we read: “ Collected Poems of Lenore Kandel
contains 80 examples of her art, from the “holy erotica” of her early years to
later, more contemplative works. Many of the poems have never been
published, others only in rare ephemeral publications. Some are explicit,
celebrating carnal love as part of the divine. Others are humorous and cover
more quotidian subjects. A recurring theme is the “divine animal” duality. The
collection includes poems written from the early fifties up until Kandel’s death

Qualcosa che sfugge e tormenta: Un romanzo russo di Emmanuel Carrère

Come ogni libro di Emmanuel Carrère, anche Un romanzo russo è scritto
magnificamente. L’intreccio, i capitoli che passano armoniosamente da un
argomento all’altro, da un luogo all’altro, dal un personaggio all’altro, invitano
continuamente ad andare avanti nella lettura per vedere che fine hanno fatto
quei personaggi, quei luoghi lontani o familiari. Il titolo ha a che fare
direttamente con lo stato d”animo di Carrère nel momento della sua vita in cui
è ambientato il libro; vorrebbe che si arricchisse delle sue origini russe, che del
nonno di cui si sono perse le tracce ancora giovane si potesse scrivere la storia,
facendola magari passare per un romanzo, non per una storia vera.

Alla ricerca del proprio tempo perduto

E’ infatti una specie di ricerca del proprio tempo perduto questo libro, ricerca
delle proprie radici russe a cui ancorarsi per giustificare i propri difetti, le
proprie paure , le proprie mancanze. Il titolo evoca quello che Carrère non
vuole fare, parlare cioè dei suoi altolocati e pittoreschi antenati:
“Su personalità così eccentriche, tutti membri del gotha, si potrebbe scrivere
un romanzo storico entusiasmante, ma…non ho intenzione di scrivere un
romanzo storico entusiasmante…quello che mi interessa davvero è proprio ciò
di cui non bisogna parlare”.
C’è infatti un segreto nella famiglia di Carrère, quello relativo al nonno materno
Georges Zourabichvili, scomparso a Bordeaux nel 1944 a 46 anni , ucciso in quanto
collaborazionista dei tedeschi, infatti era stato per due anni un loro interprete.
Fu prelevato da casa e di lui non si seppe più niente.
“ Il fatto è che non è un mio segreto ma un segreto di mia madre”
La madre di Carrère fa parte dell’élite intellettuale francese (docente
universitaria, scrittrice di libri sulla Russia, eletta all’Accadèmie francaise) e
non può sopportare di parlare o sentir parlare del padre collaborazionista dei
tedeschi durante la guerra, e così fa finta che la cosa non sia mai accaduta. E
vuole che tutti seguano il suo esempio, soprattutto il figlio. Ma la storia del
nonno materno assomiglia troppo a quella dell’ungherese di cui Carrère è
andato a documentare la vita nel suo viaggio in Russia, per cui le due figure
nel suo animo coesistono e “…perché venire in Russia …se non per il fatto che qui è approdato quell’ungherese il cui destino mi permette di avvicinarmi, sia pure per vie
traverse, al destino di mio nonno…ormai Kotelnic è il posto dove sta chi è
scomparso”

Il viaggio in Russia alla ricerca di un’altra storia oscura

Kotelnic infatti è lo sperduto villaggio russo dove Carrère con una piccola
troupe va per documentare la vita di un soldato ungherese fatto prigioniero dai
russi alla fine della 2° guerra mondiale e tenuto in un ospedale psichiatrico per
cinquant’ anni. Anche se all’inizio del libro l’autore si dichiara disgustato dal
dover scrivere sempre di gente disgraziata o folle ( aveva appena finito di
scrivere L’avversario), accetta un’altra volta di farlo. Personalmente, avendo
letto sia Un romanzo russo che L’avversario, mi sono fatta l’dea che Carrère
sia attratto solo da storie inconsuete e strane, che contengono misteri che
nessuno è in gradi razionalmente di spiegare. Perché una persona per anni,
come ne L’avversario, mente facendo credere di essere quello che non è e alla
fine massacra l’intera sua famiglia?, E perché come in Un romanzo russo un
povero soldato ungherese viene fatto prigioniero e alla fine della guerra invece
di tornare a casa come tutti gli altri viene tenuto chiuso in un ospedale
psichiatrico per cinquant’anni? Il fatto è, credo, che Carrerè, raccontando
queste storie, vuole spiegare, prima di tutto a se stesso, il senso oscuro della
vita. Ovviamente non ci riesce, perché nessun essere umano lo sa, lo conosce.
Avviene un delitto a Kotelnic, Cerrère lo viene a conoscere quando ormai è da
tempo ritornato in Francia. Questo delitto riguarda una coppia a cui Carrère si
era affezionato, la moglie e il suo figlioletto sono stati uccisi nella loro casa in
assenza del marito. Viene data la colpa ad un povero pazzo, ma anche questo
per Carrère è un mistero che rimane insoluto.

Perché Carrère vuole imparare il russo?

Carrère in questo libro, via di mezzo tra autobiografia e romanzo, che si usa
definire non finction, si incaponisce a volere imparare il russo. Non per leggerlo
e scriverlo, bensì per parlarlo. Non lo saprà mai fare bene e i due viaggi a
Mosca fatti a questo scopo non gli serviranno a molto. Mi identifico in questa
sua necessità e credo di capirla a fondo e personalmente. Io sono toscana ma
fin da piccola sono vissuta a Bologna. Parlare toscano mi riporta a qualcosa di profondamente mio, a un piccolo mondo antico che mi piace, mi appartiene, ma che però non frequento nella quotidianità. Ci sono modi di dire che solo i toscani capiscono, perché sono ironici fino al sarcasmo e che offendono solo chi non è toscano. Per Carrère è qualcosa di analogo, parlare in russo, conversare in russo, quello che lui nel
libro definisce un buon russo, lo mette in contatto con qualcosa di sé che lui
ama, a prima delle sue nevrosi e ossessioni sul male del mondo. A qualcosa di
buono, innocente e tenero.

Il perché delle cose che accadono

Tutti i dettagli, gli episodi, i risvolti psicologici che Carrère documenta in
Romanzo russo, non spiegano perché l’ungherese non è stato liberato alla fine
della guerra, o più prosaicamente perché Carrère ama la sua fidanzata Sophie
ma si vergogna di lei. Infatti l’intreccio di Romanzo russo si dispone in capitoli
alternati tra il racconto di alcuni viaggi in Russia e la sua relazione con Sophie.
Perché?, mi domando. Perché quello che li accomuna è lo stato psicologico di
Carrère stesso, indeciso, insoddisfatto, un uomo insomma che cerca il suo
passato russo attraverso la storia di un povero ungherese che è stato per cinquant’ anni nell’ospedale psichiatrico di Kotelnic e contemporaneamente non
sa vivere il suo presente sentimentale. Un passato che non si spiega e un
presente di cui si vergogna.

La storia d’amore con Sophie

Sophie infatti non fa parte dell’ambiente intellettuale e raffinato di Carrère,
dove tutti hanno una bella carriera in corso come scrittori, registi, architetti,
fotografi. Lei è bellissima ma è una persona qualunque, una che si guadagna la
vita facendo l’impiegata in una casa editrice di libri scolastici, di cui è
insoddisfatta, e che ha amici come lei. Carrère è prigioniero del suo ambiente,
e pur amando Sophie la disprezza.“ Le nostre vite sono diverse, e anche i nostri amici. La maggior pare dei miei sono artisti, e quando non scrivono libri o non dirigono film, se ad esempio lavorano nell’editoria, significa che dirigono una casa editrice. Mentre io sono amico del capo, lei lo è della centralinista”
Quando vanno a cena da amici, tutti rimangono folgorati dalla bellezza di
Sophie, ma quando qualcuno le chiede che lavoro fa le pesa dire che lavora in
una casa editrice di libri scolastici “ ..e più la conversazione va avanti più lei si sente esclusa. E diventa aggressiva, E per me che dipendo terribilmente dalla considerazione altrui, è come se stesse perdendo punti a vista d’occhio”.

Carrère non ha nessuna stima di se stesso, in questo libro ne parla a più
riprese, si reputa vigliacco, inaffidabile, tendente ai sensi di colpa. Fa un
viaggio, è tutto contento di partire, ma quando arriva ad esempio a Mosca
dove va un mese d’estate per imparare bene il russo, si sente solo ed ha
un’avventura con una giornalista. Si sente perso senza Sophie, dice di esserne
innamorato ma non la stima, come è possibile ciò? Quello che ama di più in lei
è il suo corpo, farebbe l’amore con lei in continuazione. Ma non si prende cura
di Sophie come lei vorrebbe. Un esempio eclatante avviene quando lei deve
operarsi ad un ginocchio e lui parte ugualmente per Mosca dove vuole
perfezionare il suo russo. Dopo l’operazione l’accompagna in un centro di
riabilitazione e poi parte“ ..quando due giorni dopo l’ho accompagnata in quel posto sinistro, pieno di sciancati più o meno gravi, ho capito che stava male e che, pur non
rimproverandomi apertamente, pensava che un uomo veramente innamorato
non l’avrebbe mai piantata in asso così”.
La storia con Sophie procede con alti e bassi, lei si mette con un altro, un tipo
“normale” che l’ama senza complicazioni, poi lo lascia e infine lo sposa. Tra un
tira e molla Carrère ha la brillante idea di dedicarle un suo racconto che lui
definisce porno pubblicato su Le Monde.
Come tutti i grandi amori quando uno dei due dice basta, la storia tra Carrère e
Sophie finisce in catastrofe. Catastrofe emotiva. La solita, credo per Carrère, lui stesso ammette di avere una certa coazione a ripetere sia in quanto narratore che persona.

“ Quanto ti ho amato..
Vattene con lui.
Ma, Emmanuel, io ti amo.
Mi ami, ma è Arnaud che ti ama come vuoi essere amata.. Sa amare. Ti merita.
Vorrei meritarti, anche se so che è troppo tardi..Vorrei che ci fosse una
seconda prima volta”.


Annie Arnaux, Memoria di ragazza

Annie Arnaux è una scrittrice francese di romanzi che raccontano aspetti legati alla sue esperienze personali. Queste per lei non hanno importanza in quanto tali ma nella misura in cui ne può scrivere. E’ stato così per “Gli anni”, “Il posto”, “L’altra figlia”. Nelle sue opere la scrittrice riesce nell’impresa quasi impossibile di raccontare periodi storici del ‘900 partendo da come lei li ha vissuti. Ho cominciato a leggere “Gli anni”, dopo “Memoria di ragazza”, ma al momento l’ho messo da parte, non sono andata avanti nella lettura, mi sembrava che tra quest’ultimo e l’altro ci fosse un abisso di empatia tra me e l’autrice. Mentre “Memoria di ragazza” parla anche di me, del mio modo di sentire la vita, l’altro suo romanzo non mi è “entrato dentro”. Ma lo riprenderò, farò così anche con gli altri romanzi di Annie Arnaux, sperando di ritrovare lo stesso piacere, la stessa intimità e complicità che ho vissuto leggendo ( due volte ) “Memoria di ragazza”.

Questo romanzo è il tentativo, a mio avviso riuscito, di ricostruire la realtà psichica, mentale e perfino fisica, del ricordo di un’estate di 50 anni prima rispetto al momento in cui viene scritta questa storia. Quella che la scrittrice vuole rivivere per poterla scrivere è la ragazza che è stata nel 1958, la ragazza dell’estate di quell’anno passata a lavorare in una colonia estiva francese. Ma soprattutto passata nell’attesa e nella realizzazione delle sue prime esperienze sessuali. In tutto l’arco della lettura si avverte lo sforzo fatto da Annie Arnaux di rivivere gli stati d’animo, le sensazioni di lei diciottenne in quella colonia estiva. Ci sono i ricordi, ma tra uno e l’altro ci sono anche i vuoti. Tra una situazione e l’altra di quell’estate non c’è nulla, un ricordo chiaro è come lasciato lì a risplendere in un cielo tutto nero dell’assenza di immagini e parole. Perché fa questo Annie Arneaux? Perché si accanisce a voler scrivere di quel ricordo dell’estate di 50 anni prima? Caratterizzata sì dalle grandi emozioni date dall’essere stata per due volte con un ragazzo più grande, un capo in quella colonia estiva, ma anche dall’essere stata maltrattata sia da lui che dagli altri educatori. Il fatto è che la sua vita è stata segnata da quell’estate del ’58, dall’essere in mezzo a persone rozze, volgari, che non la capiscono, travisano i suoi comportamenti, la bollano come la ragazza facile della colonia. Non sanno nulla della sua vita interiore eppure parlano di lei come se invece la conoscessero molto bene. Questo romanzo è sul voler essere a tutti i costi accettati e nel constatare il contrario. La scrittrice definisce quell’estate del ’58 “il buco inqualificabile”. Rappresenta lo spartiacque tra il periodo dei suoi anni ’60 e quella che nel romanzo lei chiama la sua “sistemazione sociale determinata dal matrimonio e dal lavoro”. Quegli anni di gioventù sono caratterizzati non solo dall’emarginazione vissuta nella colonia estiva ma anche dai fallimenti e sconfitte successive che lei individua come conseguenze dirette di quell’estate del ’58: la bulimia, l’essere stata scartata dalla possibilità di diventare maestra, l’esperienza deludente e umiliante del periodo passato a Londra come ragazza alla pari ma di fatto come domestica.

Evidentemente i fallimenti vissuti da ragazza la peseguitano ancora, sono i suoi fantasmi interiori. Dei quali non riesce a liberarsi, che diventano la sua ossessione, tanto da apparirle l’unico suo progetto di scrittura, e forse l’ultimo. E il romanzo piano piano si scrive, sì, non viene scritto, si ha l’impressione che venga dettato da una presenza interiore a chi materialmente mette una parola dietro l’altra. E questo produce brandelli di scrittura che hanno la stessa forma del ricordo, sono il linguaggio con cui il ricordo fa la sua comparsa nella mente e che la scrittrice riproduce così come le appare. E allora questo tentativo dell’oggi diventa tutt’uno con il racconto dell’estate della ragazza del ’58, dando vita ad uno stile a volte narrativo in senso tradizionale ( descrizioni di luoghi, persone, dialoghi )e a volte invece stentato, che procede a tentoni, improvvisando su schegge di frasi raccolte da vecchie lettere scritte ad un’amica in quel tempo lontano e ritrovate decenni dopo. E’ una specie di collage mentale questo romanzo. Va avanti per tentativi, ipotesi, per capire perché quella diciottenne ha tanta voglia di fare l’amore, senza peraltro riuscirci fino in fondo. E finalmente capiamo che tutte le pagine del romanzo sembrano avere lo scopo non solo di ricordare, riportare in vita la ragazza del ’58, ma anche di spiegarla, di spiegarne i comportamenti, e soprattutto la facilità, la semplicità con cui si dà ad un ragazzo più grande che le dice chiaro e tondo di non amarla, ma che lei idealizza, come quel qualcuno che per la prima volta “l’ha vista”, anche se subito dopo la ignora. E’ come se la memoria di quell’estate di 50 anni prima fosse la cosa più importante da non far cadere nell’oblio, come se fosse l’unica di cui valga la pena scrivere. E’ un aspetto questo che rende questo testo una specie di manuale per chi scrive. Di cosa scrivere?, ci chiede il romanzo. Del passato, di quei brevi film su cui la mente ritorna incessantemente. Per rivivere l’intensità di certi momenti. Ripensando per anni a quell’uomo tanto desiderato in quell’estate del ’58 la scrittrice dice: “Come siamo presenti, noi, nell’esistenza degli altri, nella loro memoria, nel loro modo di essere, persino nei loro gesti? Incredibile sproporzione tra l’influenza sulla mia vita delle due notti passate con quest’uomo e il nulla della mia presenza nella sua. Non lo invidio, sono io che scrivo”. Paradossalmente il primo capitolo del romanzo è la morale della storia. La sua conclusione. La spiegazione del perché quel che si racconta nel romanzo è accaduto. Da un punto divista logico, razionale per rivivere l’intensità di certi momenti vissuti dovrebbe quindi stare alla fine della storia. Ma la scrittrice decide di farne il primo capitolo. Come se la storia raccontata nelle pagine successive fosse un esempio della Teoria del Padrone esemplificata nelle primissime pagine. Può capitare, si dice, di subire il potere di qualcuno in maniera assoluta. Di diventare tutt’uno con la sua volontà, poi succede di non interessare più. Vivendo nella speranza di ritrovarlo passano gli anni, e tu cerchi di migliorarti, dimagrisci, studi. Credi di farlo per quando incontrerai di nuovo il padrone. Ma, come si dice nel romanzo, “senza accorgertene ti allontani inesorabilmente da lui e non lo vuoi vedere mai più”.

A tutti forse capita di chidersi quanto si è presenti nella memoria delle persone che abbiamo incontrato e frequentato nel corso della nostra vita. Non c’è risposta a questa domanda se non andando a chiedere a queste persone che magari non si vedono da anni: quanto mi pensi ancora? Hai ricordi di me? Ma non lo si fa. Non lo si può fare. Ci prenderebbero per matti. L’unica possibilità allora è scriverle queste domande immaginandoci le risposte. Del resto per chi scrive la fonte principale della propria scrittura è la memoria, che tra le facoltà mentali a disposizione di noi umani è quella che maggiormente si avvicina all’immaginazione, al fantasticare, all’inventare.

Satori a Parigi di Jack Kerouac, una recensione

Per Kerouac la vita in quanto tale è un viaggio, nel senso fisico della parola. Anche andare da una stanza all’altra lo è, così come da uno stato all’altro americano. Sono il camminare e il viaggiare le fonti di ispirazione di Kerouac. Andando a Parigi compie il suo ultimo viaggio. Poco dopo morirà di cirrosi avendo bevuto tutto l’umano bevibile nel corso dei suoi 46 anni. “Satori a Parigi” non è inferiore ai più famosi romanzi di Kerouac. Sentendone parlare da alcuni critici lo credevo in verità. Ma poi invece di rileggere per l’ennesima volta “Sulla strada”, ho preso in mano questo libretto che nella mia libreria sta accanto agli altri capolavori di Kerouac. È in un’edizione del 1974, in buono stato e con un’affascinante copertina tratta da un dipinto intitolato “Chimera”. Mai titolo fu più indicato per essere accostato ad un’opera di Kerouac. Tutta la sua vita è stata una chimera, un qualcosa che si rincorre e mai si raggiunge. “Vorrei vedere il volto di Dio” si è sempre ripetuto. Non come prova della sua esistenza, ma come consolazione dalla propria disperazione. “Satori a Parigi” è il resoconto di una ennesima illusione di una vita vissuta inseguendo amicizie, amori, il successo letterario, che una volta raggiunto viene da subito ripudiato, E così Kerouac si inventa di andare alla ricerca delle proprie origini francesi. Cosa che fa alla sua maniera. Gira per Parigi perennemente ubriaco consultando archivi nelle più importanti biblioteche della città. Ma non ne caverà nulla. Anche andare in Bretagna sarà un viaggio inutile. Ma nel frattempo Kerouac ci regala la sua eccezionale scrittura, prosa spontanea allo stato puro. Seguirlo nelle sue peregrinazioni non è solo come guardare un film. Questo capita con tutti i bravi scrittori. Nello strano Satori che sta vivendo l’alcolista Kerouac siamo direttamente nella sua mente. Diventiamo i suoi pensieri, emozioni e dialoghi con passanti e avventori dei locali che frequenta. Diventiamo lui pur rimanendo noi. Quando qualcuno gli dice che ha letto i suoi libri Kerouac definisce il periodo in cui li ha scritti “la mia gioventù scrivereccia”. Riaffermare se stesso rinnegandosi è la suprema descrizione di sé.

Le date

Ho ricominciato a mettere le date alle cose che scrivo quasi ogni giorno sul mio quaderno. Per tutto il covid non avevo scritto niente se non una cosa incomprensibile a tanto che è scritta piccolo quando ero in ospedale e in clinica. 
Quando sto male psicologicamente dentro di me dico: aiutami aiutami…Ma lo so che nessuno mi può aiutare se non me stessa.

8 Marzo con Lenore Kandel

Aliberti compagnia editoriale
COME SONO ECCITANTI GLI UOMINI CHE CI SPEZZANO IL CUORE
Save the date!
Domani sera, martedì 8 marzo, alle 20:30, presso la Biblioteca comunale Severino Ferrari di Molinella (BO), la nostra autrice Dianella Bardelli presenterà il suo “Come sono eccitanti gli uomini che ci spezzano il cuore”.
Modera l’incontro Alessandra Maccagnani e, nel corso della serata, saranno proiettati immagini e video d’epoca per ripercorrere la vita e il movimento culturale intorno a “Lenore Kandel, la musa dell’amore hippy”
Per info e prenotazioni chiamare il 0516906860.
L’accesso è consentito con super green pass e mascherina ffp2.

Presentazione del mio romanzo “Come sono eccitanti gli uomini che ci spezzano il cuore”

Biblioteca comunale di Molinella, l’ 8 Marzo  ( Bologna ) Piazza Martoni 19/1, ore 20:30
Dianella Bardelli presenta il suo romanzo Come sono eccitanti gli uomini che ci spezzano il cuore.
Leonore Kandel, la musa dell’amore hippy.
Biografia romanzata di Lenore Kandel, una figura tutta da scoprire per il pubblico italiano. Il suo libro di poesie “The Love Book” provocò un terremoto nell’America degli anni Sessanta. Lenore fu tra le protagoniste della Summer of Love di San Francisco nel 1967: la stagione che avrebbe dovuto cambiare il mondo…
Dianella Bardelli per molti anni ha insegnato a Bologna. Ha pubblicato poesie e diversi romanzi.
Informazioni e prenotazioni: Biblioteca comunale, telefono 051.6906860, e-mail: [email protected]. Si entra con green pass
#love #lenorekandel #romanzi

Come sono eccitanti gli uomini che ci spezzano il cuore

Lenore Kandel è una figura tutta da scoprire per il pubblico italiano. Il suo libro di poesie The Love Book provocò un terremoto nell’America degli anni Sessanta. Lenore fu tra le protagoniste della Summer of Love di San Francisco nel 1967: la stagione che avrebbe dovuto cambiare il mondo.
Bellezza carismatica, forme rotonde e sensuali, un carattere forte e sereno, Lenore si legò a Bill, un membro della banda degli “Hell’s Angels”. Proprio dal loro incontro comincia questa biografia romanzata, che trova una improvvisa, drammatica svolta nell’incidente in moto della coppia, da cui Lenore uscirà menomata e reclusa in casa per il resto della vita.
Al centro di tutto resta The Love Book, un inno all’eros fra i più espliciti e totali che siano mai stati scritti. Sono passati cinquant’anni e più: ma la sua forza esplosiva, la sua quasi divina energia sensuale scuoteranno ancora le lettrici e i lettori di oggi.

Ascoltando Coraline dei Maneskin


Coraline
mi sento così
quasi sempre
non ricordo
di non essermi sentita così
forse da molto giovane
quando non capivo niente
di me stessa, degli altri, del mondo
quando mi facevo convincere
dagli uni e dagli altri
da quelli insomma della finta sicurezza –
cosa mi ispira
questa meravigliosa canzone
tristezza, paura
qualcuno che non ne esce
da quella porta
non ce la fa
non ci riesce.