l’albero

come mani verso l’alto in cielo rami arcuati con gemme già spuntate un albero all’incontrario un salice che alza i suoi rami ma son rigidi con gemme rosse rami appuntiti volti verso il cielo chiedono benedizione aiuto ma l’angelo bianco rimane a terra non spicca il volo come l’albero nero con le gemme rosse che ha agganciato il cielo ha agguantato l’aria l’ha arpinata ha arpinato l’aria ci si aggrappa come volessero quei rami ricurvi verso il cielo salire salire e oltre le nuvole fermarsi forse a guardare in giù ma gli alberi hanno radici in terra e anche gli angeli.

davanti a "la gioia di vivere" di Picasso (1946)
La gioia di vivere
è il blu
dell’antico mediterraneo
è la musica
e la nave
che però è lontana
e non arriva
sulla nostra isola felice.
Picasso c’ ha dato
le caprette che danzano
e sono il tutto
insieme alla ninfa, ai fauni.
Questa terra nera
senz’alberi quasi
tutta pervasa
di corpi immaginari
le chiome
ad un vento che non c’è
e gli zoccoli, e i piedi nudi
—————————–