5,30 del mattino

Ai lati della tenda
filtra una luce d'alba –
mi colpisce il biancore
di là dal vetro freddo –
è la luna che alta volge in basso
il suo sguardo muto e velato –
recondita e lontana
separata, sola, senz'anima,
persa nell'infinito cielo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *