Foglie secche e fresche petali rosa

Un letto profumato
perché rosa
confetto dolce
misura piccolo –
fossati, spazi
l'appena nato invecchia –
bellissimo confuso essere unico
di sé intero
senza condensazione d'esistere –
mosso anche di poco cambia
e il piccolo bocciolo verde sparisce
tra foglie nere luminose –
misuro la distanza –
abissale –
tra i miei occhi e il letto profumato
di vita giovane e vecchia –
nessuno raggiunge nessuno
perché nessuno davvero c'è –
tocco la bellezza
il nulla che tutto/tutti ci avvolge –
ho il potere di guardarlo
e anche di cambiarlo
spostarlo farlo essere
diverso
senza rispetto
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *