ascoltando the Koln Concert

un mattino
ha messo
il cuore nel pianoforte-
l’ha dato al pianoforte-
gli ha detto
tientelo
facci quello che ti pare-
e il pianoforte ora piange- geme-
sanguina
un sangue chiaro
che non è sangue-
ma acqua limpida
scrosciante
acqua libera
una cascata-
lui invece ora suona dal deserto
senza spartito
senza pubblico
senza più
neanche il pianoforte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *